Lezione 1 - Terza parte

Prezzo scontato Prezzo €0,00 Prezzo di listino Prezzo unitario  per 

Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Scuola di Pianoforte su Facebook 

🎼 I miei spartiti di arrangiamento per pianoforte

🎼 Lezioni private di pianoforte

👕 My Official Merchandise

❤️ Let's be friends!

Facebook

Instagram

Supporta il mio progetto

 

Ciao Picciotti, e benvenuti a questa terza parte della prima lezione. In questa terza ed ultima parte metteremo le mani unite con le legature di frase. Come dicevo all'inizio della seconda parte bisogna alzare sempre il dito al momento stesso che quello sucessivo percuotera' l' altro tasto. Per le mani unite dovete essere sempre concentrati nel suonare con le dita, tenere il polso fermo e mai rigido, sempre con la mano in posizione con le dita curve a martelletto. In questa terza parte parleremo di legature di frase. Che cos'è una legatura di frase? La legatura di frase è quella legatura che unisce un insieme di note che bisogna suonare legate l'una con l'altra. Ad ogni legatura di frase bisogna fare la caduta che ho spiegato nella prima parte di questa lezione. Vi faccio un esempio pratico: pensate ad un cantante che ispira per poi cantare la frase: questo è il modo piu' corretto per capire che cosa sono le cadute, perche' si fanno, perchè sono così importanti quando si suona il pianoforte. Adesso andiamo all'esecuzione di questo esercizio. Come potete vedere sopra ad ogni nota ho messo sempre la diteggiatura. Quindi seguite, bene quello che c'è scritto. Bisogna sempre articolare ma legando un suono con l'altro e quindi, come dicevo, lo ripeto ancora, ogni legatura di frase alzare la mano e fare la caduta. Adesso metto il metronomo a 40: questo dovete studiarlo sempre da 40 a 60 aumentando sempre di uno. Con il metronomo, sempre come vi ho detto che il metronomo deve essere sempre il vostro compagno di viaggio e di studio. Ecco ho messo il metronomo a 40 e iniziamo a leggere dalla prima battuta.Quindi leggiamo, che abbiamo un Do e un Re, un Do e un Re e un Do con la mano destra. E Sol, Fa, Sol, Fa, Sol nella mano sinistra. Quindi, preparare le mani e fare la caduta, mano pendente come vi ho insegnato, e andare giu' con il peso e sentire il metronomo. (Ascolta e guarda il video): due, tre, quattro, alzare...(Ascolta e guarda il video): due, tre, quattro, alzare...(Ascolta e guarda il video): due, tre, quattro, alzare......(Ascolta e guarda il video): due, tre, quattro, alzare....(Ascolta e guarda il video): due, tre, quattro, alzare...e così via...Sempre senza muovere il polso tutto rilassato e così via. Facciamo un riassunto di queste tre parti di questa prima lezione del metodo Davi': il primo steep, prima parte sono le cadute. Queste cadute voi dovete prima solfeggiarle e dopo suonarle. La stessa cosa vale per la seconda parte, voi dovete fare le articolazioni. E queste articolazioni dovete anche solfeggiarle prima di suonarle sempre come vi ho spiegato, il polso sempre morbido, non muovere mai il polso, non voglio vedere questo (guarda il video). Bisogna articolare ma il polso sempre rilassato. Ho sempre detto: suonate con un suono gradevole come se ci fosse scritto piano, pianissimo, quindi suono gradevole (ascolta e guarda il video). Non mi interessa che articolate tanto potete articolare pochissimo ma non muovete il polso, tutto riòassato, si suona con le dita. La posizione della mano, abbiamo anche parlato della posizione della mano, del polso, all'altezza dei tasti bianchi, le dita curve, dovete suonare con i polpastrelli, le dita curve. Nella terza parte abbiamo visto che ci sono le legature di frase dove dovete fare la stessa cosa ma ad ogni legatura fare la caduta come se fosse un cantante che ispira prima di cantare quella frase. Ci vediamo alla seconda lezione, grazie Picciotti e buono studio.